Su di me

“La vita è una bellissima favola tutta da vivere”

Gina Scanzani

Qualcosa su di me!

image_gina scanzani
Gina Scanzani

L’attività di scrittrice inizia mentre combattevo una recidiva tumorale: da quella circostanza nasce il primo libro autobiografico Eccomi ci sono ancora che vi invito a leggere. Un diario testimonianza di una persona affetta da sclerosi tuberosa alle prese con un tumore al quarto stadio. Il libro si rivela sorprendente, di aiuto ad apprendere l’importanza della scrittura e valore alla vita. Sostengo la Terapia dell’animo, intesa come arte del fare, non solo scrivere bensì tutto ciò che riesce ad appagare l’animo. Convinta che tutto ciò che riesce a mettere in relazione l’uomo al suo mondo è utile e oltremodo unico. L’atto dello scrivere è inteso come bene terapeutico e nasce  da una profonda conoscenza di se, verso cui si esprime il coraggio e la forza del proprio animo. La divulgazione e conoscenza sono gli aspetti su cui punta l’esperienza di rinascita e di dare una speranza a chi vive nell’ombra o crede che da un tumore o una malattia rara non ci si possa rialzare. 

Tra gli obiettivi (sogni) futuri vi è quello di realizzare una fattoria didattica a Fiano Romano al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica verso quel difficile mondo delle malattie rare. La lettura la scrittura son arti di rara importanza e vanno sostenute ampiamente. Vi invito a scoprire i miei libri, e scoprire di più su di me. 

I miei libri

  • Eccomi ci sono ancora Youcanprint; (2013)
  • Il volo delle parole edito da Youcanprint; (2014)
  • Riflessi dell’Anima Lampi di stampa; Youcanprint. (2015)
  • Evoluzioni Lampi di stampa; Youcanprint. (2015)
  • La soffitta dei ricordi ILMIOLIBRO (2015)
  • La soffitta dei ricordi AUGH! (2016)
  • Mimì nella grotta oscura Centro StudiErickson (2018)
  • Istantanee riflesse Edizioni Ensemble (2020)
  • La soffitta dei ricordi – Pav edizioni  (2021)
  • Passi Robin edizioni (2022)

Resta aggiornato

Seguimi sui social


“La vita è una bellissima favola tutta da vivere”

—Gina Scanzani